Le Colture, dove il Prosecco è Superiore

Situata a Santo Stefano di Valdobbiadene, nel cuore delle colline del Prosecco, Le Colture è insieme un’azienda agricola ed una cantina dal 1500 guidata dalla stessa famiglia.

L’azienda si estende per circa 40 ettari di superficie vitata di proprietà diretta – non molto comune in questa zona – nell’area DOCG compresa tra Valdobbiadene e Conegliano.  16 poderi, in parte situati vicino all’azienda, in parte distribuiti in altre zone; Valdobbiadene con il colle del Cartizze, i colli del Soligo, l’altipiano di San Pietro di Feletto. Ciò consente la produzione di vini diversi con caratteristiche specifiche, legate a situazioni pedoclimatiche molto particolari, inoltre non si acquistano da terzi né uve, né mosti, né vini, è questo permette di interpretare ogni annata con grande attenzione e sensibilità. 750.000 le bottiglie, per la maggior parte in versione spumante, che ogni anno vengono prodotte.

I vigneti vengono seguiti con interventi di lotta guidata utilizzando prodotti che abbiano il minor impatto ambientale ed attuando tecniche naturali di gestione della pianta. In cantina inoltre, molta attenzione viene data al risparmio energetico; sono infatti installati dei pannelli fotovoltaici per utilizzare le risorse naturali come l’energia solare.

L’azienda conserva molto della tradizionalità del luogo e dei metodi, ma dimostra di saper sfruttare con intelligenza le attrezzature tecnologiche più all’avanguardia, per ottenere vini e spumanti  più rispondenti alla tradizione, rispettosi della naturalità, ma sempre freschi, immediati e di facile bevibilità.

Cesare Ruggeri e i suoi tre figli, Silvia, Alberto e Veronica, sono gli attuali depositari di questo straordinario patrimonio di esperienza, costituito da piccoli e grandi segreti produttivi, dalla conoscenza del territorio e delle sue uve alla sensibilità innata per la salute della vigna e degli umori della cantina. L’ingresso a pieno ritmo nell’attività di famiglia dei tre fratelli ha portato una ventata di entusiasmo e il necessario respiro innovativo tipico delle giovani generazioni, senza però dimenticare l’amore per la propria terra ed il rispetto per le tradizioni.

I VINI

Valdobbiadene DOCG Spumante Superiore Di Cartizze
Il suo nome deriva da ‘gardiz’ termine dialettale che indicava i graticci utilizzati un tempo per l’appassimento delle uve. La vendemmia è tardiva (fine settembre/primi di ottobre) e rigorosamente manuale. Circa un ettaro il vigneto posseduto da Le Colture su questa magica collina. Al naso è pieno, fruttato e floreale, la dolcezza è molto ben controbilanciatia da una buona acidità. Ottima la persistenza aromatica.

Valdobbiadene DOCG Prosecco Superiore Rive di Santo Stefano Brut ‘Gerardo’
Spumante dedicato al fondatore dell’azienda Le Colture, nonno Gerardo Ruggeri, per produrlo vengono utilizzate le uve provenienti da un singolo vigneto posto sopra al paese di Santo Stefano di Valdobbiadene, dove ci sono le vecchie vigne, con le quali nonno Gerardo iniziò la sua attività di vinificazione e spumantizzazione. Proprio sulle amate Rive di nonno Gerardo ancora oggi vengono raccolti i grappoli più belli e maturi, perché la riva è la più esposta al sole oltre a godere sempre di una leggera brezza anche in periodo estivo, elemento che conferisce freschezza e profumi, mineralità e una lunga persistenza in bocca. Metodo charmat lungo che conferisce una maggior pienezza in bocca e profumi che evolvono verso la crosta di pane e il lievito rispetto a quelli solitamente più freschi. Un vino con carattere e struttura, anche perché rimane a riposare due mesi in bottiglia prima della commercializzazione. L’unico millesimato tra gli spumanti della casa.

Valdobbiadene DOCG Prosecco Superiore Spumante Brut Fagher
Il loro cavallo di battaglia nonché quello di maggior successo a livello internazionale in particolare in Nord America.
Col suo basso residuo zuccherino (9 gr/lt) è forse la vera carta d’identità del modus operandi Le Colture e del modo di pensare e creare i vini. La sua piacevole spalla acida, la mineralità e la sapidità sono i tratti distintivi della filosofia aziendale per quanto riguarda il Prosecco Superiore. Un vino fresco, giovane ma con carattere. Ha una buona persistenza e i suoi aspetti più attraenti sono racchiusi nell’invitante dolcezza dei profumi più ricchi di sentori di agrumi. Presenta un perlage fine che assicura la persistenza del sapore e la pulizia del palato e rappresenta un’arma in più nell’abbinamento con il cibo.

Valdobbiadene DOCG Prosecco Superiore Spumante Extra Dry Pianer
All’interno della gamma di produzione, il Pianer è il vino più venduto e bevuto in Italia. Proviene da un insieme di vigneti posti nell’area collinare classica del comune di Valdobbiadene (Tv). Ottenuto da un blend di uve provenienti in parte dalla zona fresca che garantisce  profumi, intensità e in parte dall’area centrale della denominazione, più calda, che quindi garantisce più alcool e maggior struttura.  versione classica del Prosecco Superiore, combina insieme l’aromaticità e la vellutata sapidità con la nitida vivacità delle bollicine. Il colore è giallo paglierino brillante, ravvivato dal perlage, i profumi fruttati di pera, mela, pesca sfumano nel floreale con un sentore di agrumi ed un’aromaticità fresca e ricca di sensazioni. In bocca il vino si distende morbido, avvolgente e al tempo stesso asciutto grazie ad un’acidità ben presente.

Photo Credits: Le Colture

 

, , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *